Cancro alla bocca del gatto - Carcinoma a cellule squamose orale felina spiegato

CARCINOMA SQUAMOCELLULARE NEL GATTO Dott. Giuseppe Larosa (Giugno 2019).

Anonim

I nostri adorabili amici felini ci danno tanto piacere e sono un vero piacere avere intorno. Adorabili quando sono gattini, birichini come il loro inizio per crescere e affascinanti da guardare mentre i loro personaggi iniziano a svilupparsi. Per molti proprietari di animali domestici, i gatti sono i loro compagni costanti e diventano parte integrante della famiglia, quindi quando si ammalano, può essere un momento estremamente preoccupante.

Una condizione che molto spesso cattura i proprietari di animali domestici è una condizione chiamata carcinoma a cellule squamose orale. Questa è una malattia molto sgradevole e grave osservata nei gatti troppo spesso. Sfortunatamente, il tumore spesso non viene identificato come un tumore fino a quando la lesione non si trova nelle sue fasi avanzate. I gatti che soffrono della condizione hanno a che fare con un sacco di dolore orale e spesso l'unica indicazione che i proprietari hanno che c'è un problema è il fatto che il loro animale sviluppa un alitosi veramente brutto (alitosi). Questo è causato dall'infezione batterica che si diffonde nella bocca del gatto.

Questa brutta malattia è un cancro che alza la sua brutta testa nelle cellule che producono il rivestimento della bocca e della gola di un gatto. Questo include le gengive, le guance, la lingua e le tonsille. Il cancro può essere estremamente invasivo, crescendo rapidamente nei tessuti della bocca con la parte visibile del tumore, essendo solo una piccola parte dell'intera crescita che è nascosta sotto.

Quando i gatti sviluppano la malattia?

Poiché i gatti invecchiano e raggiungono l'età di 11 e 12 anni, sono più inclini a soffrire di carcinoma a cellule squamose orale, sebbene anche i gatti di 2 anni di età possano sviluppare questa condizione. A volte il primo segno che c'è un problema è un gonfiore sul viso del tuo animale domestico. Potresti notare alcuni denti sciolti e la perdita di peso dovuta al fatto che fa male quando il tuo gatto mangia, il che significa che potrebbero semplicemente rifiutarsi di mangiare del tutto o avere un appetito ridotto. Il tuo animale domestico avrà anche l'alitosi (alitosi).

Altri segni evidenti potrebbero essere un problema: il vostro animale domestico potrebbe iniziare a grattarsi i loro volti sul lato in cui sentono dolore, e inizieranno a gocciolare. Il problema è che molto spesso non c'è alcun segno evidente che il tuo gatto perde peso per quello che sembra essere senza motivo, perché hanno perso i loro soliti appetiti.

Ottenere il problema diagnosticato correttamente

È molto importante diagnosticare la malattia il più presto possibile per eliminare altre condizioni che influenzano la salute orale di un gatto, alcune delle quali mostrano sintomi abbastanza simili al carcinoma orale a cellule squamose. Questo include il complesso del granuloma eosinofilo. Tuttavia, ci sono altre condizioni e malattie orali che possono influenzare la salute orale di un gatto, motivo per cui un veterinario deve esaminare il vostro gatto e quindi diagnosticare esattamente che cosa è prima di scendere il percorso di trattamento per carcinoma a cellule squamose orale.

Stai cercando consigli gratuiti per il tuo gatto ?. Clicca qui per unirti alla comunità di animali domestici preferita dal Regno Unito - PetForums.co.uk

Cosa succede dopo?

Al fine di stabilire il tuo animale domestico soffre di carcinoma a cellule squamose orale, il veterinario farà una biopsia. Questo è particolarmente vero se c'è un rossore asimmetrico e un gonfiore sulla gengiva o sul rivestimento della guancia. Se il tuo animale domestico sta palleggiando molto e mostra segni di essere in un sacco di dolore, allora una biopsia determinerà anche se questo è causato dalla malattia.

Quanto prima viene diagnosticata la patologia, tanto maggiore è il successo di qualsiasi terapia o trattamento, ma poiché è così difficile individuare il carcinoma squamocellulare orale nelle sue fasi iniziali dal momento in cui un gatto arriva dal veterinario, la malattia è già nelle sue fasi avanzate. Questo è il motivo per cui è così importante tenere d'occhio la salute dentale dei tuoi animali domestici non appena acquisti o adotti un gatto fino ai loro anni da senior, e fai attenzione ai segni sottili sopra menzionati.

Fortunatamente, la malattia si diffonde molto raramente nel flusso sanguigno o nei linfonodi. Ma i veterinari di solito amano controllare sia i polmoni che i linfonodi per assicurarsi che il cancro non si sia diffuso e per stabilire che non c'è evidenza di disseminazione del tumore prima di fare la loro prognosi.

Che dire delle opzioni di trattamento?

Sfortunatamente, la prognosi per i gatti diagnosticati con carcinoma a cellule squamose orale non è mai buona indipendentemente dal tipo di trattamento. Sono state condotte molte ricerche e sono stati esplorati trattamenti che includono chirurgia invasiva, radicale, chemioterapia, radioterapia e molti altri, a volte combinando trattamenti con una terapia antiinfiammatoria.

Tuttavia, questi studi hanno dimostrato che l'aspettativa di vita di un gatto una volta che la condizione è stata diagnosticata può essere solo da 1 a 3 mesi, sebbene alcuni gatti siano così resistenti da poter vivere qualsiasi cosa fino a un anno dopo l'insorgenza della malattia. Quando si usa la radioterapia e si elimina il tumore, il buco lasciato nella bocca presenta un altro problema. L'accumulo di cibo nel buco può causare un'infezione e spesso l'acqua penetra nella cavità nasale del gatto, il che porta a maggiori problemi di salute.

Conclusione

Tenere d'occhio la salute dentale del tuo gatto è fondamentale per il loro benessere. Se noti che il tuo animale ha l'alitosi, dovresti portarli a vedere il veterinario il più presto possibile in modo che possano determinare se la causa è un dente malato e non un carcinoma a cellule squamose orale che divampa. Prima viene fatta una diagnosi, maggiori sono le probabilità che il tuo gatto sia trattato con successo e che non debba soffrire troppo per il disagio o lo stress.